martedì 16 settembre 2014

Fette di caciocavallo silano dop fritte


E' senza dubbio il re dei più antichi e tipici formaggi del Sud Italia, cui probabilmente si riferiva già Ippocrate (500 a.C.), illustrando l'arte usata dai Greci per preparare il cacio. 


Pascoli silani

Con Reg. CE 1263/96 il Caciocavallo Silano ha ottenuto l'ambita D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta) europea entrando, cosi' nel gotha dei prodotti che potranno fregiarsi dei marchi di tutela comunitari. 
Tale marchio garantisce la genuinita' e salubrita' del ''Caciocavallo Silano'', formaggio prodotto esclusivamente con latte intero fresco proveniente da allevamenti bovini situati nei territori elencati nel Disciplinare di produzione depositato a Bruxelles, secondo un processo di lavorazione, minuziosamente definito nella medesima norma, che affonda le sue radici nella piu' nobile tradizione casearia meridionale. Il Caciocavallo Silano e' marchiato a fuoco forma per forma ed etichettato con etichette alfanumeriche.
Per tutelarne la produzione e' nata, nel Dicembre del 1993 ad iniziativa di alcuni produttori, il Consorzio di Tutela Formaggio Caciocavallo Silano con sede a Cosenza.
 Il Caciocavallo ha forma tondeggiante o allungata, con una "testa" sulla cima, la sua consistenza è quella dei formaggi a pasta filata, ma diviene friabile e scagliosa se subisce una stagionatura che può raggiungere i tre anni. 
Tradizionale di tutte le regioni che formavano il Regno delle Due Sicilie, ebbe una tale fama, da ispirare anche modi di dire popolari: "Far la fine del caciocavallo" significava morire impiccato, per analogia con la sua forma strozzata nella parte alta. 
 Il nome sembra derivi dal metodo di trasporto utilizzato dai pastori, che apponevano i formaggi in coppia sulla groppa del cavallo. Un'ulteriore ipotesi si ispirava al fatto che le provole venivano legate a cavallo di un giunco per essere fatte stagionare in solaio grazie al calore del camino.
Dal gusto inconfondibile, il caciocavallo silano, acquista i caratteri ottimali della stagionatura, grazie al clima dei maestosi rilievi della Sila, è indicato per la dieta dei bambini e degli anziani visto l’alto valore nutritivo. Consumato fresco o stagionato, grattugiato o fuso, è divenuto nel tempo protagonista della tavola nella dieta mediterranea.
 Sembra fantasia, ma la tradizione vuole che con i residui della lavorazione venivano confezionate anticamente bambole da collezione in pasta filata.
(http://www.caciocavallosilano.it/)

Il caciocavallo può essere consumato fresco per il suo gusto dolce e delicato, ma la stagionatura lo rende molto più saporito, più piccante. E in questo caso, se grattugiato, rende il piatto più completo. Vi consiglio di provarlo cotto sulla piastra o semplicemente come formaggio da tavola, condito con olio e pepe nero. Oggi ve lo faccio gustare fritto.

Ingredienti

200 gr di caciocavallo silano dop
1 spicchio d'aglio
1uovo
pan grattato
un pizzico d'origano e di sale
olio evo
Preparazione
Sbattete l'uovo con la forchetta montandolo leggermente. Tagliate il formaggio a fette spesse e passatele prima nell'uovo e poi nel pan grattato. In una padella fate scaldare l'olio con l'aglio ( che toglierete appena si colorerà ). Mettete le fette di caciocavallo e fatele rosolare da entrambi i lati; scolatele dall'eccesso di olio e deponetele su un foglio di carta assorbente. Profumatele con un pizzico di origano e di sale e servitele caldissime.
Spesso le fette di caciocavallo vengono servite con un contorno di porcini trifolati, essendone momentaneamente sprovvista ho optato per le cipolle di Tropea in agrodolce.





Siamo al 16 di Settembre: secondo appuntamento di questo mese dopo il 2.


Le altre regioni

Trentino-Alto AdigeLago di Tenno, Fiavè e i suoi formaggi

Friuli-Venezia Giulia: Friuli Doc 

Lombardia: Sagra dell'uva a San Colombano al Lambro (MI)


Liguria:   Festa della patata quarantina di Montoggio http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2014/09/litalia-nel-piatto-la-festa-delle.html

Emilia Romagna:  Crostini con squacquerone di Romagna DOP http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2014/09/crostini-allo-squacquerone-di-romagna.html



Umbria: Tortino di patate e cipolle con fonduta di Pecorino di Norcia http://amichecucina.blogspot.com/2014/09/tortino-di-patate-e-cipolle-con-fonduta.html


Campania: Focaccia di impasto liquido, con rucola,noci e caciocavallo podolico di Zungoli 

Puglia: Burrata e stracciatella:delizie e specialità pugliesi  http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2014/09/burrata-e-stracciatella-delizie-e.html




22 commenti:

  1. e' una meraviglia!!!Io l'ho mangiato quest'estate in Calabria accompagnato dalla marmellata di cipolle!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  2. Adoro il caciocavallo, una bellissima ricetta!!

    RispondiElimina
  3. Se c'è qualcosa che amo è il formaggio fatto in questo modo! Potrei veramente morire :D

    RispondiElimina
  4. Davvero buonissimo così cucinato... come si fa a resistere! E' una vera eccellenza questo formaggio! complimenti!

    RispondiElimina
  5. Oh santo cielo..che bontà!!!!! Eccezionale a dir poco!!!bravissima!! Un bacio

    RispondiElimina
  6. Potrei uccidere per questo piatto......:PPPPPP
    Bravissima!!!
    Bacioni a presto <3

    RispondiElimina
  7. Cara Barbara, complimenti per il bellissimo post, che ho trovato veramente interessante (non ho mai assaggiato il caciocavallo silano, pur avendone sentito parlare, qui da me c'è il caciocavallo ragusano che ha una forma di parallelepipedo e prevede anch'esso varie
    stagionature che ne determinano il livello di piccantezza).
    tantissimi complimenti inoltre per questo sfiziosissimo piatto che hai realizzato: mi viene l'acquolina nonostante abbia già cenato, che meraviglia e che bontà:)))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  8. L'Italia ha una grande ricchezza di prodotti genuini e speciali, un esempio è il tuo caciocavallo silano che ho avuto il piacere di assaggiare!
    e con questo fritto mi inviti a nozze! brava!
    un bacione

    RispondiElimina
  9. Barbara cara, è tanto tempo che non passo a trovarti e vedo un bellissimo post su un prodotto a me caro...quanto'è buono e che meraviglia la tua ricetta. Ciao cara

    RispondiElimina
  10. Un'eccellenza dopo l'altra che invogliano a girarsela tutta la nostra bella Italia.
    Amo i formaggi "in purezza" , ma a quella fettina così invitante non saprei resistere.
    Alla prossima uscita :)

    RispondiElimina
  11. Buonissimooo, io l'ho mangiato accompagnato da una marmellata di mirtilli! Veramente un sogno! Che bontààà
    Ciaooo e a prestooo
    http://pentoleevecchimerletti.blogspot.it

    RispondiElimina
  12. Buonissimo!!! Ti garantisco che ne addenterei volentieri una fetta. Molto curiose le nozioni che ci hai fornito, soprattutto quella delle bambole!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  13. Con te gioco sempre in casa, come si suol dire, ma spesso le notizie che dai mi risultano sconosciute in qualche particolare, fai veramente un grandissimo lavoro con tutto quello che pubblichi sulla nostra amatissima terra. E ora, vado ad affettare il caciocavallo che ho in frigo... Un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Ciao Barbara, il caciocavallo è fra i miei formaggi preferiti, e per fortuna sui banchi del mercato riesco a trovarlo di buona qualità, ma non credo buono come è dalle tue parti, il formaggio cambia sapore se gli fai respirare aria diversa! Mi accontento di immaginare la bontà della tua ricetta. Un bacione

    RispondiElimina
  15. Un post davvero interessante, ho imparato molto su una eccellenza d'Italia che non conosco, purtroppo.
    L'idea di una cotoletta di formaggio mi fa venire l'acquolina :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  16. Telepatia per l'Italia nel piatto.In questo giro molti di noi hanno parlato del caciocavallo nella propria regione.
    Non poteva naturalmente mancare quello silano dop.Ricettina molto gustosa la tua, ne immagino la bontà.
    A Presto

    RispondiElimina
  17. saporito e filante, delizioso, un bacio

    RispondiElimina
  18. Ciao Barbara!!!! Mamma mia che bontà!!!!! Non poteva mancare il caciocavallo!!!! Un bacione e buon w.e.

    RispondiElimina
  19. Guardare queste foto e non poter assaggiare è un vero supplizio. Ottima la scelta della ricetta per questo tour gastronomico regionale. Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Ogni regione ha il suo caciocavallo, ripeto: c'è sempre da imparare! Grazie

    RispondiElimina